Gianni Milici – FARE SCUOLA A BARI E’ anche un problema di edilizia scolastica

La scuola dell’autonomia ha bisogno di condizioni favorevoli per un impegno efficace di tutti gli operatori scolastici e deve poter lavorare per ridurre i disagi delle ragazze e dei ragazzi che la frequentano.?
Diventa essenziale quindi poter utilizzare al meglio tutti gli edifici scolastici a disposizione della città.

Il dimensionamento della rete scolastica a Bari ha liberato, completamente o in parte, diversi edifici?scolastici.
Non è sicuramente ancora un dimensionamento ottimale, come vorrebbe la norma, ma è l’avvio di un discorso che va subito ripreso ed affrontato in maniera rispondente alle esigenze della realtà cittadina, anche?in vista della fase applicativa della riforma dei cicli.

Per un utilizzo efficace di tutte le strutture a disposizione occorre quindi convocare al più presto un tavolo di confronto fra tutti i soggetti interessati : Enti locali, Provveditorato, parti sociali, eccetera.
La disponibilità degli edifici scolastici va infatti programmata adeguatamente e non può essere affidata a decisioni e/o soluzioni estemporanee magari solo di natura “politica”.

D’altra parte un lavoro attento in questa direzione può certamente ridurre la spesa comunale per l’affitto di locali scolastici e consentire di mettere le somme risparmiate a disposizione di servizi utili alla scuola come i trasporti, le mense, gli ausili per i soggetti disabili ed altro.
Occorre però la volontà di concretizzare scelte ed idee utili alla città ed ai suoi abitanti.

E soprattutto fare presto e bene.

Giovanni Milici
CGIL scuola, 2001
?

« Torna indietro