PER SOSTENERE LA PACE:15 min. di fermata del lavoro

L’ARCA Centro di iniziativa democratica ADERISCE

La Confederazione Europea dei Sindacati (C.E.S.) ha indetto 15 minuti di fermata generale di tutto il lavoro europeo, alle ore 12,00
del 14 Marzo 2003, in concomitanza con la riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU.
Dopo le grandi manifestazioni che hanno visto in tutto il mondo manifestare per la pace decine di milioni di donne e uomini, la mobilitazione del mondo del lavoro continua con questa iniziativa ad alto valore simbolico che unirà i lavoratori europei.
La C.E.S. è convinta che ci sia la possibilità di fermare la guerra, di arrestare la logica delle armi e di far prevalere la convivenza civile nel mondo con la pressione politica e il lavoro finora positivo svolto dagli ispettori dell’ONU.

La democrazia in Irak non può essere imposta con la guerra! Non è compito delle Nazioni Unite rovesciare regimi anti-democratici. Non è compito di nessuno interferire nella politica e nelle scelte degli Stati, in violazione della carta fondamentale dell’ONU.

Il regime irakeno, autore di gravi crimini contro l’umanità, deve ottemperare alle prescrizioni delle Nazioni Unite, distruggendo, se ancora non lo ha fatto, tutti gli armamenti non consentiti e offrire una collaborazione piena e leale agli ispettori.

I lavoratori europei, con la fermata del 14 marzo dichiarano la loro ferma contrarietà alla guerra e ad ogni forma di terrorismo.
La pace può e deve vincere. La convivenza tra i popoli può essere garantita, rafforzando le Istituzioni internazionali, intensificando la lotta alle disuguaglianze per una giustizia sociale.

Per questi motivi anche la giornata di mobilitazione europea, indetta da tempo per il 21 marzo per sostenere il profilo sociale dell’Europa, avrà al centro la difesa del modello sociale europeo e della pace.

« Torna indietro