21 nov. 2003: NUOVO APPELLO dell?ARCA per un candidato sindaco unitario

E’ giusto dare atto ai movimenti ed alle associazioni della Convenzione cittadina del centro-sinistra di aver saputo raggiungere ? superando momenti di confronto molto acceso – una unità formale e sostanziale nell’indicazione contestuale delle candidature a Sindaco per il Comune e a Presidente per la Provincia di Bari, allontanando dal suo interno i germi di una rottura, che forse taluni auspicavano.

Il convincimento espresso, nella Convenzione, anche dalle segreterie cittadine di tutte le forze politiche del centro-sinistra che il tandem Emiliano ? Vernola possa rappresentare senza dubbio una chance in più per tutta la coalizione è stato accolto sostanzialmente anche dalla minoranza della Margherita cittadina, che condividendo la candidatura di Michele Emiliano a Sindaco ha auspicato che il Presidente Marcello Vernola possa ri-confrontarsi con gli elettori, per la conferma alla guida della Provincia. Ed è stato questo un atto di grande responsabilità politica.
Ora il testimone passa alle segreterie provinciali dei partiti, chiamate a convalidare in tempi brevi il percorso innovativo della Convenzione cittadina.

Per questo è a loro che va rivolto un accorato appello perchè abbandonino vecchi rancori personali, per riannodare i fili unitari della politica di centro-sinistra e decidere al più presto, senza rimettere nuovamente in discussione ciò che verbalmente e a mezzo stampa la maggioranza degli stessi partiti ha dichiarato, in linea con i risultati della Convenzione.
E’ tempo che i candidati si prendano “per mano” e comincino a trovare insieme le giuste sinergie con le Istituzioni locali, secondo le linee tracciate dalle opzioni programmatiche della Convenzione:

con il Politecnico per un piano di sviluppo territoriale ed ambientale attraverso anche il potenziamento informatico;

con l’Università per tutti quegli intrecci culturali che portano allo sviluppo della cittadinanza attiva;

con Tecnopolis ed i Centri di ricerca per la valorizzazione delle nostre generazioni più giovani;

con la Fiera del Levante attualmente prigioniera di una politica chiusa, senza ritorni economici per Bari e il suo hinterland;

con il mondo dello sport perchè Bari possa essere ovunque considerata una città di serie A;

con il mondo del lavoro – attraverso i sindacati dei lavoratori e le rappresentanze imprenditoriali – per rilanciare le attività produttive e l’occupazione; con i cittadini e le cittadine perchè ritrovino il gusto di partecipare alle scelte amministrative ed istituzionali.

Il tutto nell’ottica dell’area metropolitana e di Bari,
città metropolitana.

Le segreterie provinciali dei partiti siano coscienti che ogni giorno che passa è un giorno guadagnato dal centro-destra e che associazioni e movimenti sono ormai stanchi di assistere
a “commedie” che portano solo a nuove divisioni,
apripista di una rinnovata sconfitta!

« Torna indietro