QUARTIERE LIBERTA’:rnvera periferia di Bari Angela Garofalo(*)

‘Bari cambierà volto’ – ‘Migliorerà la qualità della vita dei cittadini’.
Affermazioni che ho sentito nella presentazione del cosiddetto “restyling di via Sparano”.


è confortante scoprire che l’amministrazione punta a migliorare la qualità della nostra vita in città.
Da cittadina comune mi piacerebbe che l’amministrazione di centrosinistra, che ho votato, manifestasse con atti concreti e quotidiani la propria attenzione alla qualità della vita di tutti i cittadini. Mi piacerebbe che fosse più consapevole dei problemi dei quartieri e praticasse scelte “coraggiose e lungimiranti”.


Tornando al nostro quotidiano, mi chiedo perchè del quartiere Libertà non sentiamo più parlare da tempo.
Sarà colpa della circoscrizione che non alza la voce? Probabilmente.

Ma non si possono chiudere gli occhi e non accorgersi che? il quartiere degrada giorno dopo giorno? immondizia dappertutto,? nella cerchia del Mercato poi, non ne parliamo (eppure dovrebbe essere la zona più pulita); palazzi fatiscenti; comportamenti “disinvolti”, proliferare di illegalità sotto diverse forme, che non aiutano l’insediamento civile di tanti immigrati che in questo quartiere si stanno sistemando; si respira aria d’insicurezza (i vigili nel quadrilatero Crisanzio, Manzoni, Bovio, Mayer non si fanno mai vedere).?


Eppure il Libertà è un quartiere “storico”, si trova a ridosso del “cuore di Bari”, lambisce il Murattiano. Mi chiedo come mai sia stato abbandonato.


Io che vi abito da 40 anni, ho visto il quartiere peggiorare progressivamente e posso?affermare che il Libertà è ormai la vera periferia di Bari. Non mi pare che l’amministrazione ne sia consapevole.
Cosa?succederà se anche il Tribunale dovesse andar via? ( e con la colmata di Marisabella senza la Valutazione di Impatto Ambientale? n.d.r)


Con questa mia lettera desidero “gridare il disagio di tanti cittadini” e richiamare l’attenzione dell’amministrazione affinchè si faccia carico con impegno e lungimiranza? della qualità della?vita al Libertà.


L’abbattimento di Punta Perotti è stato un atto di coraggio e legalità ma non è sufficiente.?
E’ necessario che chi ci amministra si dia “linee guida”di sviluppo, non solo sulla carta. Ho sentito infatti parlare del? Piano Strategico per lo sviluppo di Bari affidato a professionisti di alto livello. Mi chiedo se servirà a rendere “migliore” la città per i suoi abitanti o sarà solo una progettualità fine a se stessa (un’esercitazione tra professionisti). Sarebbe sconsolante…




(*) Pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno di merc.?28 febbraio 2007 con il titolo: E Bari ha dimenticato il quartiere Libertà.

« Torna indietro