Lo strappo di civiltà

Un intervento di Marco Revelli

Nessuno potrà dire che non sapeva.

Le cifre della strage sono pubbliche, accessibili a tutti.
Basta consultare il sito di Fortress Europe (http://fortresseurope.blogspot.com) per conoscere i numeri della nostra vergogna.

Nei primi quattro mesi dell’anno sono stati già 339 i migranti morti annegati nel canale di Sicilia. Erano stati 1.274 in tutto il 2008. E ammontano a 4.099 nel quindicennio che va dal 1994, quando si è incominciato a tenere il conto dei morti sulla base delle notizie stampa, a oggi.
Un’altra decina di migliaia di vittime si contano sulle rotte verso la Spagna e le Canarie (4.436), nel mar Egeo, verso la Grecia (1.310), nel nostro Adriatico, dall’Albania (603), o nel deserto del Sahara, lungo “le piste tra Sudan, Chad, Niger e Mali da un lato e Libia e Algeria dall’altro” (1.691 morti censiti, ma il numero è sottostimato perchè la maggior parte delle tragedie si consuma fuori da ogni vista, senza lasciar traccia nè notizia).

Altri sono morti di freddo nel tentativo di attraversare le zone montuose tra Turchia e Grecia. O saltando nei campi minati dell’Evros, in Macedonia (91 persone). O annegati nelle acque dell’Oder, del Sava, del Morava, i fiumi che separano Polonia e Germania, Bosnia e Croazia, Slovacchia e Repubblica Ceca. O assiderati nei carrelli degli aerei dove si erano nascosti per sfuggire ai controlli (41 persone). O soffocati nei container di un tir. O, ancora, caduti sotto gli spari delle diverse polizie di frontiera, a Ceuta e Melilla, l’enclave spagnola in Marocco, in Gambia, in Egitto, in Israele, in Libia, dove sono documentate le feroci torture praticate “nei centri di detenzione per stranieri, tre dei quali sarebbero stati finanziati dall’Italia”.

Il totale è agghiacciante: 14.679 morti documentate lungo il perimetro che circonda la civile Europa con un muro immaginario immenso, infinitamente più lungo, alto e terribile di quello stesso Muro di Berlino la cui caduta è stata salutata come una liberazione dai fantasmi del Novecento.

Di questi numeri non si è parlato nel G8 dell’Aquila, che pure della tragedia dell’Africa si è fatto ampiamente scudo per nascondere il proprio vuoto.
Non hanno turbato lo shopping delle first ladies per le vie di Roma. Nè i sonni dei loro augusti mariti nella caserma di Coppito, riadattata in fretta e furia per l’occasione probabilmente con il lavoro di un buon numero di sopravvissuti a quella strage, ora “regolarizzati”.
Soprattutto non hanno segnato, col proprio scandalo, neppure una riga dei discorsi ufficiali del cosiddetti “Grandi”, detentori di un’estenuata sovranità nazionale che – pur nel proprio anacronismo – non tollera messe in discussione nè eccezioni, pronta a rivalersi della propria impotenza verso la forza dei mercati e dei capitali con la segregazione, il respingimento, la chiusura dei confini e il loro presidio, l’ostentazione muscolare nei confronti dei più deboli tra i deboli.

Men che meno, quei numeri – eppure di questo si trattava -, hanno anche soltanto sfiorato la discussione nel nostro parlamento su quel decreto sicurezza che, divenuto legge, trasforma in reato penale la colpa di esser sopravvissuti al viaggio. Tacendo sui sommersi, costituisce in “criminali” i salvati.
Il Senato l’ha approvato in un clima dimesso, dopo un dibattito svogliato, come si trattasse di ordinaria amministrazione, con un’opposizione rassegnata, distratta e in una sua parte, almeno, intimamente connivente.
E una stampa divisa tra le storie da bordello del premier e la cronaca rosa del summit, un occhio ai letti di palazzo Grazioli e l’altro ai tavoli di Coppito.

Eppure uno strappo, grave – un ennesimo, tanto che ci si è assuefatti – alla nostra civiltà giuridica, e alla più elementare morale pubblica, in quell’atto si è consumato:
con l’introduzione del “reato di clandestinità”, in una forma che è unica in Europa, si è varcato un limite.

Sanzionando penalmente l’ingresso o la permanenza del singolo straniero sul nostro territorio, si individua come fattispecie di reato non un fatto o una serie di “fatti lesivi di beni meritevoli di tutela penale” ma – come è stato autorevolmente sostenuto da un buon numero di giuristi – “una condizione individuale, la condizione di migrante” secondo una logica che assume di per sè “un connotato discriminatorio contrastante non solo con il principio di eguaglianza, ma con la fondamentale garanzia costituzionale in materia penale, in base alla quale si può essere puniti solo per fatti materiali”.

Sul piano pratico gli effetti saranno nulli, o più probabilmente negativi. Chiunque conosca il problema concorda che l’applicazione di quell’obbrobrio è tecnicamente impossibile, metterebbe in crisi l’intero sistema giudiziario. Spaventerà, certo. Rafforzerà le tendenze xenofobe già fin troppo diffuse nei nostri uffici pubblici, nei commissariati di polizia, tra le pieghe della burocrazia. Alimenterà la paura in chi dalla paura, nelle proprie terre, aveva tentato di fuggire. Ma non produrrà certo nè più “sicurezza”, nè più ordine. Anzi. Può darsi che per qualche tempo influenzi la geografia dei flussi, scoraggiando almeno in parte le rotte verso l’Italia, spostandone tuttavia le derive lungo altre direttrici, dalla Turchia alla Grecia, in primo luogo, sui confini orientali dove la pericolosità è maggiore, e la mortalità rischia di crescere.

Un effetto, evidente, la legge ce l’ha, invece, sul piano simbolico. Per il messaggio che lancia. E per l’incultura che rivela. Uno strappo intollerabile, perchè di effetti simbolici si nutre oggi la politica e la coscienza collettiva. E di oltraggi simbolici al pudore civile una democrazia muore.

C’è da augurarsi che la figura cui spetta in ultima istanza il ruolo di “custode della Costituzione” non avalli un tale strappo. Che lo scandalo di quei numeri, inascoltato negli altri luoghi del potere, varchi almeno i muri del Quirinale.
(Purtroppo il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha firmato, N.d.R.)

 

« Torna indietro