SOS salute pubblica sottovia Sella

Ancora una volta l’ARCA Centro di iniziativa democratica denuncia la grave situazione ai danni della salute pubblica che si determina nel sottovia di via Q. Sella dove i pedoni sono costretti a respirare le polveri sottili emesse dall’imponente traffico automobilistico che lo attraversano. E pensare che sin dal 2006 giace un progetto di riqualificazione generosamente offerto al Comune di Bari da due architette del Politecnico di Bari, Tiziana De Lucia e Maria Rosaria Stufano Melone. Fu all’epoca consegnato ufficialmente all’allora assessora Simonetta Lorusso che si disse entusiasta dell’iniziativa. Vista l’assenza di conseguenti iniziative, il progetto venne nuovamente riconsegnato nel maggio 2012 al nuovo assessore del seconda consiliatura di Emiliano sindaco, Marco Lacarra che pubblicamente affermò di aver trovato i soldi necessari per aprire il cantiere entro il 2014.

A distanza di 3 anni da questa affermazione l’ARCA Centro di iniziativa democratica rivolge un accorato appello al sindaco di Bari Antonio Decaro e all’assessore ai Lavori Pubblici affinché quel progetto venga riportato alla luce o quantomeno a procedere comunque a tutte le iniziative utili per la salvaguardia della salute pubblica. Sembra anche strano il silenzio delle autorità sanitarie. Le foto testimoniano che cosa respirano i pedoni baresi.

Bari, 4 marzo 2017

« Torna indietro